fbpx

Blog Details

  • Home
  • La mia FTTH è in attesa causa PCN non vendibile
seflow 26 Agosto 2021 0 Comments

Il PCN non vendibile è il sogno infranto (temporaneamente) di ogni smanettone, è paragonabile, per noi milanisti ,a quella finale Milan Liverpool del 2005 a Istanbul (brutti ricordi ndr). Dopo anni di attese interminabili con l’ ADSL a 5 Mbps ecco arrivare la tanto sospirata copertura OpenFiber su rete #bul. La gioia, la felicità e la corsa verso l’ operatore per inserire l’ ordine. Poi, il messaggio: “La sua FTTH è in attesa di completamento PCN in quanto non attualmente vendibile“.

Ma cos’è questo PCN? Perchè non vendibile se ho la copertura e OpenFiber mi dice che posso averla?

PCN è l’ acronimo di “Punto Di Consegna Neutro” e rappresenta il punto della rete che fornisce accesso alle infrastrutture realizzate da Open Fiber da parte di tutti gli operatori di telecomunicazioni che poi venderanno i servizi ai clienti finali. In parole povere è il cancello d’ ingresso del vostro comune alla rete OpenFiber.

Tutte le case e Comuni afferenti al PCN possono usufruire dei servizi a banda ultralarga solo quando il PCN di interesse è installato. Ogni aggregato di Comuni confluisce in un PCN che li collegherà alla rete di trasporto OpenFiber. A uno stesso PCN sono collegati tutti gli elementi a valle utilizzati per portare la connessione ultrabroadband agli abbonati.

Se il PCN non è collegato alla rete OpenFiber, sarà possibile collegare l’ abitazione in fibra ottica, ma non sarà possibile navigare in quanto non connessa alla rete.

Capita sovente quindi che OpenFiber metta in vendibilità un comune perchè la rete è posata, ma senza PCN attivo. In queste condizioni OpenFiber accetta gli ordini, ma non procede alle attivazioni fino a che non avrà completato i lavori al Punto Di Raccolta Neutro.

…Perchè mettono in vendibilità se poi non sono attivabile?

OpenFiber ha delle scadenze da rispettare con Infratel, concessionaria del piano #BUL per la banda ultralarga. Il piano prevede la copertura di almeno il 70% delle unità immobiliari del comune. Il PCN non rilegato, sovente è causa di problemi di permessi o dorsale di trasporto non ultimata.

Un PCN non vendibile, lo diventerà non appena saranno completati i lavori di collegamento e collaudo verso la rete OpenFiber. Ma quali sono le cause più comuni di questi ritardi?

  • Dorsale di trasporto non ultimata. Bisogna attendere che OpenFiber porti fisicamente la fibra dalla propria rete al PCN
  • Mancanza di corrente. Bisogna attendere che Enel effettui i lavori
  • Mancanza di permessi. Per stendere la fibra, OpenFiber deve chiedere permessi di scavo, a volte ci sono controversie con i proprietari, sia essi pubblici che privati delle zone dove OpenFiber deve eseguire gli scavi

Ma se un PCN non è vendibile un operatore potrebbe renderlo vendibile?

In linea teorica si, l’ operatore potrebbe portare una propria fibra al PCN, collocare i propri apparati e chiedere ad OpenFiber di terminare su di essi.

In pratica, allo stato attuale, questa soluzione è molto rara:

  • I costi per la posa di proprie fibre in area bianca sono troppo elevati (le aree bianche sono anche definite a fallimento di mercato).
  • Ultimamente OpenFiber sta posizionando dei mini-pcn e non permette la colocation ai singoli operatori
  • Se la problematica è la mancanza di alimentazione non è possibile accendere gli apparati.

Quindi, io cliente, cosa posso fare?

Attendere. OpenFiber deve rendere il PCN vendibile, quindi risolti i problemi sarà acceso e partiranno le attivazioni di tutti gli operatori. Con PianetaFibra il contratto firmato con PCN non vendibile non è vincolante e nessuna richiesta economica arriverà fino all ‘effettiva attivazione della propria linea di casa.

Se rientrate in questa casistica, abbiate pazienza, l’ attesa verrà ripagata, come diceva un famoso spot … L’ attesa del piacere non è essa stessa il piacere? …. In questo caso forse no 🙂

Leave Comment